Ossessionati dal pelo del vostro cane sui poltrone, divani, letti e vestiti? Ecco svelati alcune motivazioni.

Il pelo del cane cade nei periodi di muta che coincidono con il cambio delle stagioni.

Prima di tutto occorre precisare che la perdita di pelo è un processo del tutto naturale e che serve ad aiutare Fido a mantenersi caldo o fresco a seconda della stagione. La cute del nostro amico gode così di buona salute e il manto ne regola il calore. Ci sono manti e manti!

Bisogna differenziare, infatti, le cure in base al tipo di pelo del cane.

I cani con il mantello folto, tipo lanugine e riccioluto (per esempio barboncini, bichon frise, bolognese) perdono il pelo 12 mesi su 12 ma in piccolissima quantità. Per loro sono consigliate spazzolate ricorrenti con cardatori o pettini, fate attenzione a non graffiare la pelle.

Anche il manto corto e duro, come quello dei dobberman, boxer, cane corso per dire alcune razze, è caratterizzato da perdita annuale, quindi è facile trovare peli tutti i giorni su vestiti e tappezzeria di casa. Questi peli ispidi si infilano nei tessuti come piccoli aghetti! A loro servono spazzolate frequenti con spazzole di gomma per rimuovere tutto il pelo morto e mostrare così il nuovo manto lucentissimo!

I manti corti e morbidi, per esempio come quelli del pastore tedesco, breton, setter, ecc., ugualmente a quelli corti e duri, sono soggetti a cadere tutto l’anno in piccole quantità, ma è durante i cambi di stagione il periodo clue della perdita, armarsi di tanta pazienza!

Le razze a pelo lungo richiedono toelettature frequenti per snodare e pettinare le lunghezze, sono molto utili perciò i pettini.

 

Come avviene la muta?

Due sono i fattori che la scatenano, luce e temperatura. Due elementi che cambiano naturalmente con il susseguirsi delle stagioni. Ad ogni cambio di stagione muta anche il pelo, adattandosi alle nuove temperature e alle diverse ore di luce. Questo è quello che accade ai cani che vivono nei giardini.

Ma considerando che ormai molti cani, diciamo pure la maggior parte, vivono in casa, il ritmo naturale viene alterato dai riscaldamenti invernali e dai climatizzatori estivi. Ecco perché molto spesso si sente parlare di perdita di pelo abbondante tutto l’anno… mistero svelato!